In Evidenza Nuove uscite Recensioni Storico Unboxing WW2

Unboxing: Cruel Seas Starter Set

 

In questo mio primo articolo su Miniables, vi parlerò  di uno degli ultimi nati in casa Warlord Games: “Cruel Seas”.

Prima di passare all’argomento principale di questo articolo permettetemi di fare una piccola premessa generale.

Il gioco in breve:

Citando Simone Fantini, intervistato qui su Miniables qualche settimana fa, credo si possa categorizzare Cruel seas come un gioco di miniature in scatola. Infatti la plancia di gioco contenuta nello starter set è un A0 (119×84 cm circa) ed è giocabile già con 3 miniature, ma allo stesso tempo è scalabile fino al normale tavolo 180×120 cm o anche più.

Il gioco è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale e si concentra su imbarcazioni relativamente piccole (motosiluranti, corvette, fregate o poco più). Questo ha portato Warlord a decidere di impiegare la scala 1/300 (6mm) per poter mantenere un livello di dettaglio accettabile.

Le fazioni:

Le fazioni al momento sono sei e rappresentano le più grandi marine dell’epoca, in ordine sparso sono:

  • Royal navy – Inghilterra (presente nello Starter)
  • Kriegsmarine – Germania (presente nello Starter)
  • Regia marina – Italia
  • IJN – Giappone
  • Voenno-morskoj flot – Unione sovietica
  • US navy – Stati uniti

I costi:

Lo starter set costa 50£ (poco meno di 58€), mentre le espansioni hanno un costo variabile tra le 3 e le 30£ (3,50-35€).

Warlord, come ormai da diverso tempo, ha creato anche dei “Deal”, uno per ogni fazione, dal costo di 95£ (110€) composto da due scatole e il regolamento. Ideale per chi volesse iniziare con qualcosa di più corposo e strutturato.

Ma senza divagare oltre passiamo alla scatola (di nostro interesse) e al suo contenuto:

La scatola:

Come di consueto Warlord ha creato una grafica e un logo apposito per il suo nuovo gioco.

Le scatole sono di un bianco sporco e la grafica frontale (vedi sopra) non è ben delimitata, sfumando sul bianco dando un effetto di vissuto, con macchie varie e pennellate imprecise. Mente le scatole espansione hanno, invece, uno stile simil cartolina.
Mentre sul retro è presente una breve descrizione del gioco, un elenco del materiale contenuto e un immagine raffigurante tutto il contenuto della scatola. Particolare attenzione è ovviamente stata data alle imbarcazioni nelle diverse versioni e colorazioni. Immagini di dettaglio si trovano all’interno, sulla guida per la pittura.

Il retro

Il contenuto:

Come detto lo Starter Set è molto ricco e contiene un gioco completo. Di seguito l’elenco completo dei contenuti:

  • Regolamento (A4, copertina flessibile)
  • Guida rapida con guida alla pittura e alle bandiere (formato A4). – Guida alla pittura molto utile, soprattutto per i modellisti meno esperti, vengono infatti elencati i colori da usare e dove applicarli.
  • 10 navi in plastica:
    • 4 E-boot
    • 6 Vosper MTB
  • Carte per Vosper MTB, E-boot e mercantili. – Le carte sono essenziali per il gioco, riportano tutte le informazioni necessarie sulle vostre imbarcazioni (armi, archi di fuoco, integrità strutturale, ecc.), inoltre presentano un Layout accattivante e chiaro.
  • Segnalini siluro (individuano la posizione dei siluri sul campo). – I segnalini sono ben fatti ed evocativi, ma con imbarcazioni di piccole dimensioni sono facoltativi.
  • Segnalini pennacchio (facilitano il tiro verso le navi). – Stesso stampo dei Pin Marker utilizzati in Bolt Action. Purtroppo i numeri sono altrettanto poco visibili, ma una lieve colorazione per aumentarne il contrasto migliorerà la situazione drasticamente.
  • Plancia di gioco (A0, stampata su entrambi i lati). – Ottima qualità di stampa anche se essendo di carta è molto delicata.
  • Segnalini scia. – Servono ad indicare la velocità delle navi… Occhio ad attraversarle.
  • 3 fustelle di cartone stampate su entrambi i lati e a coloti (elementi scenici, segnalini di gioco, campi minati, aerei, faro, ecc.). – Elementi scenici per iniziare fin da subito a giocare, ma rimangono pur sempre in 2D, il modellista più Hard Core storcerà sicuramente il naso vedendoli. La buona notizia è che la Warlord a già messo in vendita alcuni scenici a tema.
  • Set di dadi (D10 e D6)
  • Set dadi ordine (Royal navy e Kriegsmarine)
  • Miniatura speciale, in metallo, dell’U-96, protagonista del film “Das Boot”

Considerazioni finali:

Facciamo ora qualche considerazione sugli elementi principali contenuti nella scatola:

Le navi:

Degno di nota è che ogni Sprue ha abbastanza pezzi per la costruzione di entrambe le navi presenti nonostante siano di versioni diverse, manca solo un cannone da 37mm negli sprue tedeschi, ma può essere sostituito dalla Flakvierling (presente).

La qualità degli stampi, invece, è buona come ormai ci ha abituato Warlord, le sculture sono ben fatte e il livello di dettaglio è buono nonostante la piccola scala.

Uno degli sprue presenti (S-38/100)

Infine, per aumentare il realismo delle imbarcazioni, e di conseguenza delle partite di Cruel seas, Warlord vende anche gli equipaggi (separatamente), che inoltre permettono di usare al meglio alcune regole per il sul tiro.

Il regolamento:
Il regolamento e le regole Quick Start (con guida per la pittura)

Le regole sembrano ben organizzate, dalle più basiche alle più complesse, intervallate da alcuni scenari per aiutare a mettere subito in pratica ciò che si è letto ed imparato poco prima.

Si nota fin da subito il lavoro svolto sull’impaginazione e la grafica, entrambe molto curate. Quest’ultima ha uno stile leggermente meno “serioso” rispetto a quello che può essere Bolt Action o Hail Caesar. Scelta probabilmente dettata dalla volontà di avere maggiore appeal sulle famiglie oltre che sul Wargamer Hardcore.
Inoltre, per lo stesso motivo, è possibile giocare questo titolo in due modi: uno con le sole regole base ed uno implementando una serie di regole più avanzate oltre che una serie di regole opzionali. Il tutto senza compromettere la giocabilità.

Conclusioni:

Ricapitolando: la scatola contiene un gioco completo in tutto e per tutto e pronto per essere giocato (come avete visto dalle foto le navi sono in plastica grigia).
Gli elementi scenici in cartone sono un ottimo punto di partenza per i neofiti e le famiglie, ma i giocatori più esigenti vorranno sostituirli al più presto con elementi in 3D.
La plastica e il contenuto della scatola sono di buona qualità, l’unica pecca è la fragilità degli indicatori dell’integrità strutturale delle navi e la plancia A0 che sono rispettivamente in cartoncino leggero ed in carta.

 

Coming Soon:

Questo è il primo di una trilogia di articoli su Cruel Seas, nei prossimi articoli affronteremo:

  • Regolamento (entrando un po’ più nel dettaglio delle meccaniche di gioco)
  • Partita di prova

A presto!

Potrebbero interessarti anche questi

Nuovi Cavalieri in plastica per la battaglia di Agincourt

Stefano

Guida alla pittura veloce di una falange Macedone

Stefano

Gaming Night: ad ognuno il suo gioco, purchè sia con le miniature

Stefano