Antico In Evidenza Tutorial

Guida alla pittura veloce di una falange Macedone

Quando inizio a dipingere un nuovo esercito, in questo caso i Macedoni, la prima cosa a cui penso è come dipingere i pezzi il più velocemente possibile.

L’esperienza di anni di accumulo seriale di miniature, mi ha insegnato che se non inizio e finisco la pittura in un tempo ristretto, i pezzi rimarranno nella scatola, montati e mezzi dipinti. Il primo passo verso la cantina, dove saranno dimenticati per sempre.

Ovviamente la pittura veloce, implica dei compromessi. I pezzi non avranno una qualità degna di un Golden Demon ma mi permetteranno di schierare un esercito dipinto di qualità accettabile (almeno per i miei gusti) abbastanza in fretta.

La vita è una e i pezzi da dipingere sono troppi.

Il mio esercito Macedone sarà utilizzato con il regolamento di Centuria. Questo prevede un imbasettamento di 8cm di fronte per 4 cm di lato, 8 miniature per base. La falange nello specifico è composta da 2 basi quindi 16 miniature.

Obbiettivo: finirle tutte nell’arco della giornata. Per alcuni sarà veloce, per altri lento, ma per i miei standard confermo il termine “pittura veloce”.

Iniziamo.

Una volta montati i pezzi, con il Patafix li fisso a degli stecchi per gelato, 4 miniature per ogni stecco e primerizzo tutto con il Citadel Corax White.

Come prima cosa stendo lo Shade, sempre Citadel, Seraphim Sepia per dare una base all’armatura.

Non mi preoccupo di essere preciso, ricoprirò le zone sporcate con i colori di base successivamente.

Lascio asciugare lo shade sui pezzi e poi, con la tecnica del drybrush, passo il bianco (Vallejo in questo caso), su tutta la miniatura.

Questa tecnica è la mia preferita per le vesti bianche perchè mi permette di finire una parte importante del pezzo molto velocemente.

A questo punto passo alla tunica rossa e ai dettagli dell’armatura, utilizzando il colore Mephiston Red.

Ora è il turno della pelle e delle sarisse. Per la pelle uso il colore Kislev Flesh mentre per il legno della sarissa il Dryad Bark. In terza fila il comandante ha il mantello e l’ho dipinto con Caledor Sky.

Ora tocca ai metallici. Elmi e schinieri sono colorati con Retributor Armour mentre le punte e le parti metalliche delle sarisse con il Leadbelcher. Per le parti in cuoio lo Skrag Brown.

La scelta dei colori precedenti è stata fatta perchè, grazie alle prove fatte con gli eserciti precedenti, hanno un buon risultato abbinati allo shade che andremo ad applicare nella prossima fase: l’Agrax Earthshade.

In questi anni ho probabilmente consumato ettolitri di questo shade Citadel ma trovo che, in particolare per le miniature “dell’ Antico”, renda molto bene la sfumatura da luce ad ombra dei vari colori.

L’Agrax Earthshade viene applicato su tutta la miniatura, a parte l’armatura. Personalmente ne uso molto e una volta steso, passo con il pennello asciutto per aspirare le eccedenze.

Mentre aspetto cha asciughi questa parte mi dedico agli scudi.

Gli scudi li lascio montati sugli sprue e li primerizzo tutti insieme, prima il retro con lo spray metallizzato/oro, poi il fronte con il bianco.

Il fondo bianco serve per far risaltare i transfer della LBMS che se applicati su fondi differenti risulterebbero con colori meno brillanti.

Una volta applicati i transfer, rifinisco gli spazi rimasti bianchi con l’oro come sul retro, e passo sui bordi e sul retro l’Agrax Earthshade per uniformare il tutto. Li stacco dallo sprue e aggiungo un puntino di oro sul taglio della plastica.

Mancano 2 passaggi.

Sulla tunica rossa passo il colore Evil Sunz Scarlet per ravvivare il colore.

Attacco gli scudi alle miniature.

Ed ecco il risultato.

Manca la base, che vedremo in un successivo articolo, ma la mia falange è stata completata.

Esclusi i tempi di asciugatura degli shade i 16 pezzi sono stati ultimati in circa 5 ore.

Ora sotto con la seconda falange…

Potrebbero interessarti anche questi

Inglesi della Guerra dei 100 anni – Centuria nel periodo Medioevale

Stefano

3D Lab – Container in 28mm

CapitanMattia

War Banner, grandi manovre nel mondo delle miniature

Stefano